domenica 21 maggio 2017

Duo, lo scialle


Scroll down for english version


Premetto che non amo i colori fluo, però amo i contrasti, quindi vedendo due gomitoli l'uno accanto all'altro,  uno verde acceso l'altro blue denim scuro, il mio secondo pensiero (il primo era: che c'azzeccano?) è stato come posso usarli insieme?
Così è nato lo scialle Duo, due colori ma anche due punti diversi per esaltare il più possibile le differenze (rimanendo insieme!). La costruzione è semplice, con gli aumenti solo ai lati per ottenere uno scialle stretto e lungo, come una sciarpa.
Questo allegro scialle viaggerà con me in Irlanda, questa estate!

Occorrente:
2 gomitoli KoloroStudio fingering (ogni gomitolo è 100gr per 400m, lana pura)
Ferri 4.5mm, possibilmente circolari da 80cm per accogliere tutte le maglie

d = dritto
dd = lavora a dritto la stessa maglia due volte prima di passarla sul ferro destro
get = gettato
2di = 2 dritti lavorati insieme

Avvia 6 maglie con il colore A
Riga 1: 1d, get, 1dd, (2d), 1dd, get, 1d
Riga 2: tutti dritti
Gli aumenti sono all'inizio e alla fine, e le maglie centrali, tra parentesi, aumenteranno di 4 man mano che si va avanti.
Ripeti queste due righe altre 7 volte (38 maglie totale).

Sezione traforata, colore B
Riga 1: 1d, gett, 1dd, a dritto fino a 2m dalla fine, 1dd, get, 1d
Riga 2: 2d, (get, 2di), 2d
Lavora il motivo per 4 volte (8 righe totali)
Sezione a legaccio, colore A
Riga 1: 1d, gett, 1dd, a dritto fino a 2m dalla fine, 1dd, get, 1d
Riga 2: tutti dritti
Lavora il motivo per 8 volte (16 righe totali)

Lavora alternando le due sezioni terminando con la sesta ripetizione del motivo traforato (colore B).
Con il colore A lavora una sola volta il motivo a legaccio,  poi passa al colore B per lavorare l'orlo a picot: avvia 3 maglie e chiudi 6 maglie, ripetendo fino alla fine. Rifinisci come di consueto.



English version

I say I do not like fluorescent colors, but I love contrasts, so when I've found two yarn balls next to each other, a bright green and a dark denim, my second thought (the first one was: awful couple!) was how I can use them together?
So the Duo shawl was born: two colors (A and B) but also two knitting stitches to enhance the differences as much as possible (staying together!). Easy construction with increasing stitches at sides to get a narrow and long shawl, quite a scarf. It will be a good companion in my next journey to Ireland!

I used 4.5mm circular needles and 2 KoloroStudio fingering yarn balls (each ball is 100g and 400m).

K=knit
Kfb=knit front and back, that is knit two times the same stitch, increasing 1 st.
Yo=yarn over the right needle, increasing 1 st.
K2tog=knit 2 stitches together, decreasing 1 st.

Cast on 6 stitches with col. A yarn
Row1 = k1, yo, kfb, (k2), kfb, yo, k1
Row2 = knit all
As you see, increasing is at sides. Central stitches (k2) will grow up 4 stitches at time. You must repeat these two rows 7 times more (38 sts total)
Lace section col.B
Row1 = k1, yo, kfb, knit to last 2sts, kfb, yo, k1
Row2 = k2, (yo, k2tog), k2
Work this pattern 4 times total (16 rows)
Garter section col.A
Row1 = k1, yo, kfb, knit to last 2sts, kfb, yo, k1
Row2 = knit all
Keep on working this two section until you get the 6th lace section done.
End with garter section (only 2 rows), change color and bind off in picot (cast on 3 sts, bind off 6 sts).
Weave in ends, wash and block.




sabato 29 aprile 2017

Ho scoperto che...


... mi piace la lana.

Cioè, che mi piace la lana l'ho sempre saputo, eh.
Però adesso sono sicura che mi piace più di ogni altra fibra, almeno per quanto riguarda il lavoro a maglia.
E siccome lavoro a maglia tutto l'anno, quando arriva la primavera entro in crisi, perché vorrei fare qualcosa di estivo, mi lascio tentare dalle altre fibre e rimango inevitabilmente delusa.
Adoro il lino, anzi il tessuto di lino: appena cominciano i primi caldi inizio a comprare tuniche, camicie, gonne e vestiti di lino, ho trovato due negozi che mi piacciono tanto: Linenbee
KnockKnockLinen e non li mollo più... però lavorare a maglia con il filato di lino non mi piace: è sempre troppo rigido e scivoloso, e lo scialle estivo che sto attualmente lavorando non mi soddisfa quanto vorrei.
Il cotone? Non sopporto quello mercerizzato. Come dire, non sopporto il cotone, visto che il 99, 9% del cotone sul mercato è così. Praticamente siliconato.
Ho provato l'hemp, la fibra di latte, il bambù, la seta.
Non è che rifiuto tutto a priori, ma una certa percentuale di lana nel filato rende tutto più leggero, armonioso, equilibrato, scorrevole in punta di ferro.
Ed allora, come non amare la lana? Impossibile.

venerdì 14 aprile 2017

Pasqua in cucina!

I piatti tradizionali della cultura gastronomica italiana per festeggiare la Pasqua sono tanti e per tutti i gusti.
A me piacciono molto le torte salate ed ho preparato una "brioche salata", gustosa e soffice, molto buona e anche molto pratica per ricche colazioni pasquali o picnic di Pasquetta.


Di origine campana, si prepara con un impasto lievitato arricchito da formaggi vari (provolone piccante e mozzarella a pezzetti, grana grattugiato), dadini di prosciutto cotto, burro e uova.
Anche casatiello e tortano sono due ciambelle salate di origine campana, ma hanno un impasto diverso, inoltre nel casatiello le uova sono sopra, col guscio!
Nel tortano, invece, la pasta cosparsa di ciccioli, viene avvolta su se stessa.
Buona Pasqua!

lunedì 13 febbraio 2017

La teglia del castagnaccio

Scroll down for castagnaccio recipe.

Quando vivi in una casa piccola non puoi permetterti di conservare oggetti che non usi: lo spazio è sempre troppo poco e mantenere l'ordine quando la cucina è piena di attrezzature è impossibile.
Questa considerazione mi spinge ogni tanto a fare un bel ripulisti di roba vecchia o poco utilizzata, e proprio oggi ho notato che nel forno c'è una teglia grande che uso soltanto per fare il castagnaccio. Quale spreco di spazio! - mi sono detta. Ma subito dopo l'ho rimessa a posto. Eh sì,  perché il castagnaccio rientra nella categoria "comfort food", ovvero procedura semplice, veloce da preparare, pochi ingredienti e... buonissimissimo! La teglia resta dov'è.


Attrezzatura : larga  ciotola  / frusta  manuale  / teglia  da  34cm

Ingredienti : farina di castagne 300g - uvetta 30g - pinoli 30g - acqua 3 bicchieri -olio  d’oliva extravergine, un pizzico di sale

Procedimento : Riscalda il forno a 200 ºC. Mescola farina e sale  aggiungi l’acqua. Mescola bene con la  frusta per  ottenere  una miscela omogenea. Aggiungi 3 cucchiai d’olio e mescola ancora. Ungi bene la teglia  e versa il  composto. Spargi sul composto l’uvetta  ed  i pinoli. Versa  a  filo altri 3 cucchiai di olio.
Se puoi,  aggiungi anche qualche  aghetto fresco di rosmarino.
Inforna per  45/50 minuti. Servi tiepido.

Castagnaccio is a traditional  cake from  Tuscany where chestnuts,  abundant in the woods,  have helped people to survive for centuries.  Small mountain manufacturers  still produce  chestnut flour,  which is  made from dried and ground chestnuts.  It  can be  used to make pasta,  polenta,  bread and sweets!  Sultanas  and pine nuts  are also typical Tuscan products.

Tools: large  bowl / wisk  / large baking pan (Ø  34cm/14”)

Ingrediens : chestnut flour 300g (10.5oz) - sultanas  30g (1oz) - pine nuts  30g (1oz) - 3 glasses  of water (0.5 liter, 2 cups) - extra-virgin olive  oil - sea salt

Preparation method : Preheat oven to 200ºC   / 390ºF / Gas  mark  6. Mix the flour  with a pinch of  salt and add the water. Stir well to form a  smooth batter. Add 3 tablespoons  of  oil.  Mix. Pour the  batter into a  large,  well-oiled baking pan. Sprinkle the batter  with the sultanas,  pine nuts  and 3 tablespoons  of  oil. Bake  1 hour,  until cracks  form on the  surface  of the  cake.  Serve  warm. Notes : It  is  traditional  to  season castagnaccio with  a bit  of  fresh rosemary  before  baking!

mercoledì 8 febbraio 2017

Comfort food

Scroll down for english version

Leggo su Wikipedia che il "comfort food" è un cibo che ha una valenza nostalgica o sentimentale, spesso caratterizzato da alti livelli di carboidrati,  molto calorico, e semplice da preparare.
Mi domando se dev'essere per forza poco salutare per confortare, e mi rispondo di no! Ecco uno dei miei comfort food preferiti: il RISO DOLCE. Lo adoro. Va bene per i bambini, per chi ha problemi di stomaco, o sentimentali...
Per fare questo riso dolce non deve mancare:
- Riso originario
- Latte intero
- Miele profumato
- Limone bio
Scaldare 2 tazze d'acqua e 2 di latte in un tegame, poi unirvi un pizzico di sale e versarvi 2 tazze di riso. Far sobollire con il fuoco al minimo per circa 15-20 minuti, ovvero fino ad assorbimento del liquido. Unirvi uno o due cucchiai di miele e la buccia grattugiata del limone (solo la parte gialla!). Servire tiepido o freddo.
Essenziale ma delizioso.



Wikipedia says: "Comfort food is food which provides a nostalgic or sentimental value to the consumer, and is often characterized by its high caloric nature, high carbohydrate level, and simple preparation."
I wonder if it has to be unhealthy to be comfortable, and I say no!!! Here is one of my favorite: SWEET RICE. I really love it. It's good for children, people with stomach ache, women in sentimental troubles...
For this recipe you must have: 
- short-grain rice (to make puddings or soups)
- whole milk
- raw honey (your favorite variety)
- organic lemon
Heat 2 cups of water with 2 cups of milk in a saucepan, then add a pinch of salt and pour 2 cups of rice. Let it simmer for about 15-20 minutes, or until liquid is absorbed. Add a spoon of honey (or two, if you prefer) and grated lemon zest. Serve warm or cold.
Essential and delicious.

martedì 10 gennaio 2017

Koloro Studio Giveaway

Questo inizio anno sembra davvero buono: tanto lavoro a maglia, ho fatto qualche vendita, ho ripreso a fare sport dopo la pausa festiva, il nuovo regime alimentare non mi pesa affatto e mi sento bene! Non so se tutta questa positività continuerà,  per ora mi godo il momento e condivido il più possibile la mia gioia.
Quindi ho deciso di fare un regalo ai miei followers, sia a chi ama i filati e si diverte a lavorare a maglia o uncinetto, sia a chi preferisce limitarsi ad indossare il capo già fatto: chi partecipa, infatti, può scegliere il suo regalo ovvero il fasciacollo oppure il gomitolo!
Come fare per provare a vincerlo? Vai alla pagina facebook di Koloro Studio !



I promised to translate all my new post, and here I am. Whoever you are I hope you'll understand my strange english because I know all terms concercing knitting but writing down my thinking is totally different...
The first 2017 days have been perfect. I really hope to go on this way. I knit a lot, I've sold two doll's sweater and a shawl, I play tennis and practice yoga, I'm on diet but without sorrow (I feel good!). I suspect this honeymoon is going to end, nevertheless I'm full of joy and I'm willing to share it.
That's why I've decided to do my very first giveaway! Because of shipping cost it is reserved for italian residents, but very soon I'll do an international one. Follow me!